EMG TURIN 2019 | EUROPEAN MASTERS GAMES | Masters Games 2019: attesi 10.000 atleti sotto la Mole
European Masters Games Turin 2019, emg2019, EMG2019, emg turin 2019
15696
post-template-default,single,single-post,postid-15696,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Masters Games 2019: attesi 10.000 atleti sotto la Mole

Masters Games 2019: attesi 10.000 atleti sotto la Mole

L’incontro tra gli enti locali, Regione e Comune, i vertici del comitato e il rappresentante dell’Imga, Jens Holm, l’ente che organizza i Giochi riservati agli atleti over 35, struttura riconosciuta dal Coni, è stato positivo. Le sforbiciate apportate dai rappresentanti del Comitato organizzatore, insieme alla disponibilità dell’amministratore delegato dell’Imga a rivedere i diritti del contratti, somme che sono state tagliate di qualche migliaio di euro, hanno permesso alla fine dell’incontro di dire “sì” ai Masters Games del 2019, che sono stati lungamente in bilico.

Tutti soddisfatti. Holm che puntava su Torino, location senza paragoni rispetto alle altre città candidate, il presidente Sergio Chiamparino e la sindaca Chiara Appendino, che possono rivendicare il fatto di aver portato a casa un evento che attirerà nel 2019 circa 20 mila persone per nove giorni. Una manna per le attività commerciali. In quest’ultimo incontro è stato determinante l’approccio e la determinazione di Appendino nel voler chiudere positivamente la partita. La Regione e il Comune possono anche sottolineare il fatto di aver centrato l’obiettivo con importanti risparmi rispetto ai budget di spesa, non solo quelli
per realizzare la kermesse sportiva, ma di costo del contratto di Host City con l’Imga. Soddisfatte anche le due anime del comitato promotore torinese, l’avvocato Fabrizio Benintendi e il direttore Bernardino Chiavola, che si sono impuntati, riuscendo ad ottenere una proroga dall’Imga, e soprattutto hanno fatto da intermediari tra Torino e l’organizzazione di Losanna.

Fonte: REPUBBLICA